Guida ai servizi


Informazioni utili per i ctu (iscrizione, cancellazione, modifica, etc)
Nozioni generali

Presso ogni Tribunale è istituito un albo dei Consulenti Tecnici d'Ufficio del Giudice (art. 13 e segg. disp. att. c.p.c.) ed un albo dei Periti in cui vengono iscritti i nomi delle persone, fornite di particolari competenze professionali e tecniche, alle quali il Giudice può' affidare l'incarico di effettuare consulenze, stime e valutazioni utili ai fini del giudizio.

L'albo è tenuto a cura del Presidente del Tribunale; tutte le decisioni relative all'ammissione sono deliberate da un Comitato da lui presieduto e composto dal Procuratore della Repubblica, dal Presidente del Consiglio dell’Ordine Forense, dal Presidente dell’Ordine o del Collegio a cui appartiene la categoria di esperti per la quale si deve provvedere, ovvero da loro delegati.

Il Presidente del Tribunale esercita l'attività di vigilanza e, d'ufficio o su istanza del procuratore della Repubblica o del presidente dell'associazione professionale, può promuovere procedimento disciplinare contro i consulenti che non hanno tenuto una condotta morale specchiata o non hanno ottemperato agli obblighi derivanti dagli incarichi ricevuti (art. 19 disp. att. c.p.c.).

Per i procedimenti disciplinari (avvertimento, sospensione dall'Albo per un tempo non superiore ad un anno, cancellazione dall'Albo – art. 20 disp. att. c.p.c.) nei casi in cui il consulente od il perito non abbiano adempiuto agli obblighi derivanti dagli incarichi assunti, o non abbia mantenuto una determinata condotta morale e professionale è competente il Comitato di cui all’art. 14 disp. att. c.p.c.

Le decisioni del Comitato per la tenuta degli albi e i procedimenti disciplinari sono reclamabili ai sensi degli artt. 15 - 19 disp. att. c.p.c. e dell’art.72 disp. att. c.p.p.

Va evidenziato che una volta iscritto il consulente ha l’obbligo di accettare l’incarico, salvo non ricorrano giustificati motivi per astenersi o per impedimento (art. 64 c.p.c.). Pertanto, la mancata presentazione all’udienza nonostante rituale convocazione può costituire motivo per l’avvio del procedimento disciplinare.

NORMATIVA DI RIFERIMENTO: Artt. 13 ss. disp. att. c.p.c. ; Artt. 66 e ss. Att. c.p.p .

Dal 31.12.2014 tutte le perizie e consulenze devono essere presentate esclusivamente con modalità telematiche (D.L. 179/2012, D.L. 90/2014). Allo stesso modo tutte le comunicazioni relative ai procedimenti verranno inviate dalla cancelleria esclusivamente con modalità telematica all’indirizzo di Posta Elettronica Certificata (PEC) del professionista, così come risulta dal Registro Generale degli Indirizzi Elettronici (REGINDE) tenuto dal Ministero della Giustizia (D.L. 179/2012).

Prerequisito fondamentale per poter svolgere l’attività di Consulente o Perito è quindi il possesso di un indirizzo PEC e l’iscrizione al REGINDE. Maggiori informazioni sul sito http://pst.giustizia.it/PST/ sezione “Schede pratiche”, scheda “Professionista ausiliario del giudice”.

Chi può essere iscritto

Possono essere iscritti agli albi dei consulenti e dei periti del Tribunale le persone, di specchiata moralità, che siano fornite di specifica competenza tecnica in una determinata materia, figurino iscritti nelle rispettive associazioni professionali ovvero abbiano particolari abilità in materie non soggette ad iscrizioni ad albi o ordini (es. traduttori).

Modalità di iscrizione

L'iscrizione nell'albo dei consulenti tecnici ed a quello dei periti può essere richiesta mediante domanda al Presidente del Tribunale nella cui circoscrizione l'aspirante risiede o ha il domicilio professionale. La domanda deve contenere la dichiarazione di iscrizione all'ordine professionale o alla Camera di Commercio, l'indicazione della categoria e – con la massima precisione possibile – della specialità o delle specialità prescelte, descrivendo le stesse.

La domande vengono valutate dal Comitato presieduto dal Presidente del Tribunale nel più breve termine possibile, previa apposita istruttoria, che richiede i tempi tecnici per acquisire notizie da altri organi.

Preiscrizioni
  1. Per semplificare la procedura d’iscrizione ed accorciare la tempistica di evasione, evitando, peraltro, la re immissione dei dati nel sistema informatico, il tribunale di Avezzano, in collaborazione con la società Aste Giudiziarie, ha elaborato un modulo di preiscrizione sul sito internet del Tribunale di Avezzano, con le seguenti modalità:
    1. Collegarsi al sito tribunaleavezzano.it, cliccare su “Area riservata Ctu e Periti” e successivamente su “Sei un nuovo utente? Registrati, riempire il modulo elettronico e cliccare su Registrati. Verrà inviata subito un’email all’indirizzo specificato nel modulo.
    2. Cliccare sul link riportato nell’email (è necessario per verificare la correttezza dell’indirizzo email fornito); Verrà inviata subito una nuova email con username e password per accedere all’area riservata CTU e Periti;
    3. Accedere all’area riservata CTU e Periti con le credenziali fornite (sarà richiesto di cambiare la password) e sulla home, cliccare su “Generazione domanda di iscrizione all’Albo Unico Civile e Penale”;
    4. Riempire tutti di dati richiesti e cliccare su “Salva”, avendo particolare cura di completare adeguatamente le informazioni concernenti la propria abilità attitudinale (diplomi, lauree, specializzazioni, master, pubblicazioni, etc.).
    5. Particolare attenzione dovrà essere posta nell'immissione delle notizie afferenti le "specializzazioni", potendo il giudice ricercare la professionalità più adeguata al caso da esaminare solo quando siano immessi dati corretti
      1. I campi CATEGORIA, MATERIA DI COMPETENZA E SPECIALIZZAZIONE, sono tra loro concatenati in ordine logico, nel senso che la prima indica la macro categoria d’interesse (es. medici) la seconda la materia in cui si opera (es. medicina e psicologia), la terza la specializzazione (es. cardiologia, ematologia).
      2. Materia di competenza e specializzazione sono tra loro legate, nel senso che la seconda è in diretta correlazione con la prima (es. la materia aeronautica apre solo le specializzazioni correlate).
      3. E’ comunque importante immettere almeno la CATEGORIA, anche se, per ragioni di ricerca, è del tutto opportuno immettere correttamente i dati in tutti i campi.
    6. Il sistema è strutturato in modo da consentire la ricerca anche in campo libero, ma non sui "curricula" in formato .pdf eventualmente allegati dagli interessati, sicché le parole chiave delle "qualità" possedute dovranno essere sempre ben in evidenza nell’ulteriore campo CURRICULUM TESTUALE che si legge quando si va a compilare la domanda d’iscrizione. In questo settore è possibile inserire una sintesi delle proprie competenze e qualità, immettendo dati afferenti CORSI, PUBBLICAZIONI, ATTIVITA’ LAVORATIVA E ATTITUDINI O ABILITA’ PARTICOLARI, eventualmente attestate (es. diploma estero, riconoscimenti, etc.)
    7. Verrà inviata all’indirizzo email specificato la domanda di iscrizione precompilata con i dati immessi. Stamparla e firmarla.
  2. Presentare presso la Cancelleria della Volontaria Giurisdizione del Tribunale in via Corradini n. 150, piano terra, stanza n.9, dalle ore 9:00 alle ore 12:00, i seguenti documenti in formato cartaceo:
    1. domanda di iscrizione all'Albo, con allegata autocertificazione, sulla quale andrà apposta una marca da bollo da € 16,00;
    2. fotocopia del documento di identità e del codice fiscale;
    3. curriculum vitae firmato (con l'indicazione della propria mail/posta elettronica certificata);
    4. titoli e documenti vari per dimostrare la speciale competenza tecnica e l'esperienza professionale acquisita (titoli scolastici, attestazione di terzi, perizie stragiudiziali o consulenze di parte comprovanti lo svolgimento di attività' professionali di tipo valutativo, pubblicazioni) già indicati nella domanda di preiscrizione.

I dati inseriti nel modulo di preiscrizione confluiranno direttamente nel data base contenente l’elenco degli iscritti una volta approvata l’iscrizione, sicché si raccomanda attenzione nella compilazione.

Costi di iscrizione

Marca da bollo da € 16,00 da allegare all'istanza di iscrizione.

In caso di accoglimento della domanda di iscrizione, è dovuto il pagamento una tantum dell'importo di € 168,00 da effettuare mediante bollettino postale sul cc. n. 8003, intestato all'Agenzia delle Entrate - Centro Operativo di Pescara - tasse di concessione governative.

Nota bene: il mancato pagamento della tassa preclude l'effettiva iscrizione all'albo dei consulenti (art. 13 del D.P.R. 26/10/1972 n.641).

Svolgimento delle attività

Il consulente e/o il perito:

  • Riceve la convocazione per l’affidamento dell’incarico mediante notifica a mezzo PEC ai recapiti forniti;
  • Solo in occasione del primo incarico ricevuto, qualora non lo sia già, provvede prontamente a registrarsi nel REGINDE – altrimenti l’incarico gli deve essere revocato;
  • Solo all’esito della verifica dell’iscrizione nel REGINDE, presta giuramento, legge i quesiti del Giudice e fissa la data di inizio dei lavori; come anticipato più sopra, una volta convocato il consulente ha l’obbligo di prestare l’incarico;
  • Compie gli accertamenti e l’analisi richiesti dal giudice;
  • Deposita per via telematica la relazione tecnica con gli allegati (cfr. sito http://pst.giustizia.it/PST/ sezione “Schede pratiche”, scheda “Professionista ausiliario del giudice”);
  • Illustra la perizia al Giudice in udienza e in camera di consiglio ove necessario.
Note
  • Non è possibile essere iscritti all'albo CTU di un Tribunale diverso rispetto a quello competente nel comune di residenza o del domicilio professionale principale. Qualora, in deroga alla specifica previsione di legge sull’obbligo di iscrizione nel luogo di residenza, il consulente voglia essere iscritto nel luogo del domicilio principale professionale, deve attestare in domanda, di non essere iscritto in altro albo e impegnarsi a non iscriversi prima della cancellazione dall’albo. Verranno svolte verifiche al riguardo.
  • Non è possibile essere iscritti in più di un albo dei CTU (art. 15, secondo comma disp. att. c.p.c.).
L'albo dei CTU e Periti del Tribunale di Avezzano

Il Tribunale di Avezzano utilizza un sistema informatizzato per la gestione dell’Albo dei CTU e Periti realizzato in via sperimentale dalla società Aste Giudiziarie e testato per la prima volta in campo nazionale in questa sede.

Tale sistema ha un’interfaccia sul sito del tribunale www.tribunaleavezzano.it che espone le seguenti funzionalità:

  • ricerca delle informazioni sui Consulenti e Periti iscritti all’Albo - accessibile a tutti;
  • compilazione della domanda di preiscrizione all’albo - accessibile ai futuri Consulenti e Periti;
  • modifica delle proprie informazioni - accessibile ai Consulenti e Periti iscritti all’Albo.
Aggiornamento dei dati dei consulenti

Gli iscritti all'Albo dei Consulenti e dei Periti del Tribunale sono tenuti a comunicare tempestivamente alla Segreteria della Presidenza - ufficio competente per la tenuta dell’Albo - la cessazione dell'attività' professionale ai fini della cancellazione dall’albo.

La modifica dei recapiti e di altre informazioni personali, potrà essere effettuata dall’ Area Riservata  Ctu e Periti del sito del Tribunale di Avezzano www.tribunaleavezzano.it.

I professionisti già iscritti all’albo, ma non in possesso delle credenziali per accedere all’Area Riservata CTU e Periti, possono richiederle attraverso la funzione “Sei già iscritto ad un Albo? Richiedi password”, presente nell’Area Riservata CTU, con le seguenti modalità:

  1. Immettere i dati richiesti e salvare. Verrà inviata subito un’email di conferma all’email specificata.
  2. Cliccare sul link riportato nell’email (è necessario per verificare la correttezza dell’indirizzo email fornito); Il sistema provvederà ad inoltrare la richiesta delle credenziali di accesso all’Area Riservata all’ufficio competente, che, dopo aver esaminato la richiesta, invierà il Nome Utente e La Password al Professionista che potrà così accedere alla propria Area Riservata. Tale email quindi non è immediata.
  3. Ricevute le credenziali d’accesso il professionista potrà modificare tutti i propri dati, a partire da quelli più personali (es. cambio numero telefono, indirizzo [purché sempre nel circondario] a quelli inerenti ulteriori titoli o specializzazioni.
  4. Quanto al riquadro concernente l’aggiornamento delle abilità professionali, si rinvia a quanto detto nei punti e) ed f) del paragrafo 1.3 (preiscrizione).
Ricerca

Il nuovo sistema di ricerca dell’ausiliare consente di selezionare il consulente più idoneo con diverse modalità, anche combinate tra loro. E’, dunque, possibile reperire il consulente mediante ricerca per nome, cognome, categoria (intesa come “macro” categoria di appartenenza – es. medici, ingegneri, commercialisti, traduttori, etc.), materia di competenza (es. ambiente e territorio, informatica, agricoltura, zoologia, etc.) oppure specializzazione correlata o meno alla materia di competenza oppure, in ultima istanza, a testo libero, inserendo una o più parole di pertinenza già esistenti nel curriculum testuale.

La ricerca libera viene effettuata su tutti i record (categoria, materia di competenza, specializzazione e curriculum testuale), sicché anche in caso di erronea immissione, dovrebbe sempre essere possibile selezionare il consulente più idoneo per le indagini del caso da esaminare.

Nella “ricerca libera” è possibile inserire una frase solo a condizione della corrispondenza col dato esistente (es. economia e commercio va bene; econ e comm non va bene).

Il sistema cerca anche singoli segmenti di parole (es. gemmologia viene ricercato anche immettendo solo “gemm”, indipendentemente dalla posizione della parola nel testo.

Riferimenti
  • Cancelleria Volontaria Giurisdizione – presentazione domande di iscrizione
    • Tribunale di Avezzano, via Corradini 150
    • Piano Terra – stanza 9
    • Telefono: 08634318408
    • Orario di apertura al pubblico: 9:00-12:00
  • Segreteria del Presidente – tenuta dell’Albo CTU e Periti
    • Tribunale di Avezzano, via Corradini 150
    • Primo Piano – stanza 20
    • Telefono: 0863 4317236
    • Orario di apertura al pubblico: 9:00-12:00